La chiesa locale e l'evangelizzazione

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
"Una chiesa impegnata nell'evangelizzazione è una chiesa in cui i membri sentono vivo il peso delle anime. Nella chiesa si deve realizzare che è un corpo unito in movimento.
 
Ogni attività deve essere in armonia con le altre, ed ogni membro deve agire in armonia con gli altri. Gli anziani devono promuovere, incitare i membri all'evangelizzazione. Ogni membro deve essere partecipe all'evangelizzazione.
 
Chi ha una specifica funzione o qualità ha l'obbligo interiore di mettersi a disposizione della chiesa.Per quel che riguarda nello specifico il tipo di attività, non essendoci modelli espliciti di comportamento, credo si possa dire con tranquillità che ogni attività decorosa è lecita. Paolo esorta Timoteo a prodigarsi in ogni maniera e con ogni metodo per il Servizio al Signore: possiamo fare nostro tale consiglio. "Predica la parola, insisti in ogni occasione favorevole e sfavorevole, convinci, rimprovera, esorta con ogni tipo d'insegnamento e pazienza" (2Timoteo 4,2)
 
Una chiesa che evangelizza efficacemente darà una immagine viva e forte. L'attività evangelistica deve essere svolta in modo tale da dare un'immagine di chiesa il più possibile conforme al modello biblico.
 
Questo deve manifestarsi sia che è un gruppo, o soltanto un solo membro. Sforziamoci di dare un'immagine di noi e della chiesa tale per cui chiunque ci incontra possa dire: "Ecco la chiesa del Signore!""
 
Dal gruppo Chiese Cristiane Evangeliche "dei Fratelli" su Facebook

facebook icona twitter icona google icona whatapps icona

Commenti

Ritratto di R_Francesco

Pace...

La situazione del movimento evangelico, è una situazione che è al limite della ragione...(parlo per me...Francesco). Mi trovo a parlare del Signore Gesù e dall'altra parte, come se parlasi di cose impossibili e pertanto,  le parole che dalla parola provengono, vengono recepite con uno spirito d'indifferenza... (tanto non mi puoi dimostrare niente)... Un po come vedere una persona bendata che cammina sul bordo della terrazza e non ti sente che gli stai "gridando" "FERMATI"... non fare un'altro passo in quella direzione... stai per morire!...Mi conforta il fatto che non sta a noi convingere le persone ma allo spirito della parola che opera per Dio.  "Se una persona fosse in grado di riconoscere i figli del Signore, quella persona saprebbe della presenza del Signore, Lo riconoscerebbe!... Lo accetterebbe!.." Ma così non è... l'atteggiamento di ritrosia nei riguardi della parola di Dio, è segno consolidato che in chi ci sta davanti, alberga ed opera l'altro spirito che,... la convince di non avere bisogno di essere salvata! " Tranquillo,   costui non può farti del male!" -- Con questa (VERA)  verità, il nostro interlocutore, si sente al riparo!.. Satana gli ha sovvertito il vero in falso (subentra l'efficacia d'errore). -- Stiamo forse dando le perle ai porci?... Pertanto, a noi, vivere e porgere l'evangelo...  mentre è "compito" di Gesù farlo accettare, a Lui ogni gloria. Amen.

Francesco

Ritratto di alex

Infatti questo era il mio spirito prima di gridare, GRAZIE SIGNORE.
Buona notte, caro fratello.
Ritratto di R_Francesco

Pace alex..

La gloria di Dio è per noi... nessuno ci rapirà di man Sua, se gli saremo fedeli!

Pace nel Signore Gesù. Amen

Francesco

Opera evangelica a favore dei non vedenti

luce fra le tenebre

Opera evangelica per sordi

sordi evangelici

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

salvati per servire

Il vangelo tra gli stranieri

meta