La punta della lancia - Film (2006) - Recensione

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Ambientato nel profondo della foresta amazzonica dell'Ecuador descrive la vita dei Waodani, una tribù di fieri guerrieri completamente fuori da ogni contatto con la "civiltà" occidentale.

Conducono uno stile di vita selvaggio, dove la violenza e la vendetta sono elementi costanti della loro cultura.

Il film si basa su una storia vera e racconta quando, nel 1956, un gruppo di missionari della chiesa evangelica protestante raggiungono il villaggio sperduto.

Pur con tutte le intenzioni nobili e di pace i missionari non vengono accettati e, ritenuti una minaccia per la salvezza della tribù, vengono uccisi.

La vita del protagonista Mincayani che guida la tribù dei Waodani, una delle etnie più violente che gli antropologi hanno documentato, cambia improvvisamente quando lui e la sua famiglia uccidono i cinque missionari.

Da questo evento, Mincayani affronterà un percorso tortuoso di scoperta e di confronto con la propria cultura, con la storia della sua popolazione.

Le famiglie dei missionari uccisi però decidono di restare in Ecuador e, con grande spirito evangelico di perdono, tentano di vivere tra i Waodani.

La storia si intreccia con gli interrogativi di un giovane, il figlio di uno dei missionari evangelici, che lotta per capire perché suo padre è morto. Dovrà però imparare ad accettare una tragedia che non si può modificare.

Nell'insieme emerge una storia reale intrisa di sacrificio, coraggio e riscatto da cui si evincono importanti messaggi quali il ruolo della religione nella trasformazione della cultura e l'insegnamento del perdono evangelico.

Acquistabile, tra le varie fonti, anche dal sito:
- CLC

.

facebook icona twitter icona google icona whatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

luce fra le tenebre

Opera evangelica per sordi

sordi evangelici

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

salvati per servire

Il vangelo tra gli stranieri

meta