Pena di morte, la nostra morte.

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Ieri, per alcuni, non per tutti (purtroppo) è una data da ritenere molto importante per l'umanità.
Ho visto dei grandi festeggiamenti in alcune sedi di partito, i Radicali sopratutto. La risoluzione ONU, come ampiamente ricordato in questi due giorni, è un invito delle Nazioni Unite a sospendere la pena capitale alle Nazioni che ne fanno parte
.
E' un atto squisitamente simbolico, qualcuno ha voluto precisare, ma sicuramente importante.
Mi sono unito alla gioia di quei "tali".
Rimango, convinto dalle Scritture e dalla Storia che l'Uomo è ben lungi da l'esser diventato "buono". Ma iniziative positive vanno comunque sempre auspicate e se possibile, anzi, proposte e "lottate".
 
Detto questo, proprio il 18, mentre vedevo festeggiare, gioire quegli uomini, il pensiero è andato a quanti, nel braccio della morte, attendono il boia, che speranze ora hanno!
 
Molte saranno vane, altre no, di certo ora hanno una speranza. Penso alla gioia provata dai parenti dei "segnati". Attività, fervore, forse si organizzeranno nuovi e più vigorosi movimenti, preghiere, alle quali mi unisco.
 
Mi auguro che la pena di morte venga cancellata, mi rendo conto che è  facile dirlo se non sei stato vittima di un brutale crimine, penso alle mie figlie. Ma ritengo giusto che uno Stato non diventi criminale come il "segnato".
 
Lo stesso vale, e a ben più ragione, se ve ne potesse essere, per quei regimi totalitari che fanno della pena dio morte non una "giustizia" ma una epurazione fisica dei "dissidenti".
 
Se si può provare tanta gioia, ed è molto logico, nella speranza di non morire tra le mani del boia, che gioia si potrà provare avendo la speranza di non finire nell'oblio. Nella morte eterna, nell'inferno. Cioè che gioia si può provare quando si realizza nella propria mente, nel proprio cuore l'Eternità, la Vita Eterna?

Sappiamo che anche se ritardiamo la morte, per una sentenza sospesa, per una malattia curata, per un vivere in maniera "genuina", la morte è il traguardo della nostra, mia, tua, vita.
Possiamo felicitarci per una vita prosperosa, possiamo far finta di non pensarci, possiamo nasconderlo ma....
 
Quale speranza?
- Nell'uomo? E' fallibile.
Quale futuro?
- Nella sapienza dell'Uomo, è ottenebrata.
Quale rimedio?
- Medicina, chirurgia? Possono aiutarci, rendiamo grazie, per qualche respiro in più.
Quale legge?
- Quella umana? Fallata, come l'autore Quella divina? Ci ha già condannato
.
E quindi?
Misero Uomo, condannato a vivere sapendo che non può far nulla con le proprie forze per ... Vivere. Certo avvolte ottenebriamo la mente. la teniamo occupata, le nostre ambizioni, i nostri traguardi, le nostre sfide, le nostre preoccupazioni, i nostri passi, uno ad uno che, inesorabilmente, implacabilmente ci conducono ad un funerale, mentre ci convinciamo che non moriremo mai e ne scacciamo il pensiero.
 
Che fare? Religione? Svago sfrenato? Suicidio?
No! L'Uomo è malato, e non è in grado di curarsi, ha solo palliativi.
 
E quindi?
- Scoprire quale è la nostra malattia e la conseguenza:
Isaia 59:2 ma le vostre iniquità vi hanno separato dal vostro Dio;
i vostri peccati gli hanno fatto nascondere la faccia da voi,
per non darvi più ascolto.
Le vostre mani infatti sono contaminate dal sangue,
le vostre dita dall'iniquità;
le vostre labbra proferiscono menzogna,
la vostra lingua sussurra perversità.
 
Ebrei 9:27 Come è stabilito che gli uomini muoiano una volta sola, dopo di che viene il giudizio,

- Capire se sono ammalato:
Romanii 3:23 tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio
 
- Scoprire cosa non cura:
Efesini 2:8 Infatti è per grazia che siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non viene da voi; è il dono di Dio.
Non è in virtù di opere affinché nessuno se ne vanti;
infatti siamo opera sua, essendo stati creati in Cristo Gesù per fare le opere buone, che Dio ha precedentemente preparate affinché le pratichiamo.
 
- Scoprire la cura:
Apocalisse 3:20 Ecco, io sto alla porta e busso: se qualcuno ascolta la mia voce e apre la porta, io entrerò da lui e cenerò con lui ed egli con me.
Chi vince lo farò sedere presso di me sul mio trono, come anch'io ho vinto e mi sono seduto con il Padre mio sul suo trono.

La giustificazione attraverso la fede in Cristo
Is 53:11; At 10:43; 2Co 5:21; Ga 2:15-16; 3:8-14, 22-29; Ef 2:7-9
Romani 3:21 Ora però, indipendentemente dalla legge, è stata manifestata la giustizia di Dio, della quale danno testimonianza la legge e i profeti:
vale a dire la giustizia di Dio mediante la fede in Gesù Cristo, per tutti coloro che credono - infatti non c'è distinzione:
tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio -
ma sono giustificati gratuitamente per la sua grazia, mediante la redenzione che è in Cristo Gesù.
Dio lo ha prestabilito come sacrificio propiziatorio mediante la fede nel suo sangue, per dimostrare la sua giustizia, avendo usato tolleranza verso i peccati commessi in passato,
al tempo della sua divina pazienza; e per dimostrare la sua giustizia nel tempo presente affinché egli sia giusto e giustifichi colui che ha fede in Gesù.

Romani 5.8 Dio invece mostra la grandezza del proprio amore per noi in questo: che, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi.
Tanto più dunque, essendo ora giustificati per il suo sangue, saremo per mezzo di lui salvati dall'ira.
Se infatti, mentre eravamo nemici, siamo stati riconciliati con Dio mediante la morte del Figlio suo, tanto più ora, che siamo riconciliati, saremo salvati mediante la sua vita.
Non solo, ma ci gloriamo anche in Dio per mezzo del nostro Signore Gesù Cristo, mediante il quale abbiamo ora ottenuto la riconciliazione.

Giovanni 1:12 ma a tutti quelli che l'hanno ricevuto egli ha dato il diritto di diventar figli di Dio: a quelli, cioè, che credono nel suo nome;
i quali non sono nati da sangue, né da volontà di carne, né da volontà d'uomo, ma sono nati da Dio.
In verità, in verità vi dico: chi ascolta la mia parola e crede a colui che mi ha mandato, ha vita eterna; e non viene in giudizio, ma è passato dalla morte alla vita.

Giovanni 5:25 In verità, in verità vi dico: l'ora viene, anzi è già venuta, che i morti udranno la voce del Figlio di Dio; e quelli che l'avranno udita, vivranno.


La risposta?
CRISTO, non una etichetta, una religione, un rituale, CRISTO. Riconosciamoci peccatori, senza speranza, abbassiamo la guardia dell'ipocrisia, della superbia, del timore. Apriamo il cuore a Lui, diverrà il nostro Salvatore. Lui ha vinto la morte per noi. In Cristo nessuna moratoria ma cancellazione del peccato e quindi della morte.
CRISTO E' LA RISPOSTA

Se sei interessato a parlarne sarò lieto di condividere, riflettere, meditare, pregare, anche in privato, se credi che sto sbagliando avvisami, se hai il dubbio, all'ora non sono io che ti parlo ma Lui, è il Suo bussare, APRI!
DtB (Dio ti, ci, benedica)
Alex

facebook icona twitter icona google icona whatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

luce fra le tenebre

Opera evangelica per sordi

sordi evangelici

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

salvati per servire

Il vangelo tra gli stranieri

meta